Tecnologia e linguaggio WEB

Hits: 120

La profonda intrusione nella nostra vita di tutti i giorni degli strumenti di messaggistica – come chat, sms, messaggi vocali, web – ha innescato una profonda trasformazione nell’uso della lingua italiana scritta, che attraverso l’uso della tecnologi a è sottoposta e spinta verso cambiamenti innovativi e, a volte, anche contrastanti.

Se osserviamo il passato, noteremo che ogni fase storica ha indotto a dei mutamenti linguistici che certamente sono stati influenzati d alle circostanze del momento.

Un chiaro esempio dei nostri tempi può essere rappresentato dall’ormai limitato uso della lettera tradizionale, che viene usata quasi esclusivamente per atti formali e amministrativi, oppure, è altrettanto interessante osservare come i giovani preferiscano sempre di più l’uso della chat vocale alla classica e semplice telefonata.

E’ poi curioso osservare come nella lingua digitale non si siano trasformate le regole grammaticali, bensì è entrato a far parte della comunicazione un lessico informale, caratterizzato dalla spontaneità tipica della lingua parlata, ma che, allo s tesso tempo si contrappone alla forma corretta veicolata per mezzo dei sistemi automatici.

Molto usati risultano poi gli emoticon, le famose faccine che esprimono uno stato d’animo. È strabiliante apprendere che oltre il 90% degli utenti della rete è solito usarli. E non è solo un fatto generazionale, come ci assicurano gli esperti. Un’indagine condotta in America nel 2014 ha rivelato che soltanto il 54% di coloro che usano le faccine ha u n età compresa tra i 18 e 34 anni, tutti gli altri sono adulti, se non addirittura anziani.

Così che la rivoluzione digitale, an cora una volta, è riuscita a consegnarci in pochissimo tempo una trasformazione lessicale in cui paro le e immagini si fondono in un unico significato, tracciando un vero cambio di passo. Ma anche la nostra mente si sta adeguando velocemente, pe r riformattare il senso di quello che s’intende dire su forme e spazi che diventano i motori del moderno modo di comunicare.

Esistono poi dei sistemi di scrittura assistita, oppure dei correttori automatici o ancora sistemi di dettatura automatica che sono disponibili su molti dispositivi e telefoni mobili. Queste applicazioni rispondono ad algoritmi che non sempre riconoscono le scelte lessicali di cui l’italiano dispone nelle sue innumerevoli sfumature, frutto d’influenze dialettiche, di lingue diverse o nuovi modi di dire, che entrano nell’uso comune della lingua parlata.

Quindi in futuro, per non rischiare di perdere l’identità della lingua, è importante riuscire a mantenere nella scrittura il suo uso creativo, che è la traccia dell’evoluzione dell’uomo e della trasformazione del suo intelletto.

By Tamara De Santis